SCHEMA RIASSUNTIVO DEL PROGETTO DI FATTIBILITA’ TECNICO-ECONOMICA PER GLI INTERVENTI DI RIPRISTINO DI VIA DELL’AMORE


Il progetto si prefigge di coniugare le esigenze di protezione e fruibilità del sentiero e di una porzione di territorio connotata da una elevata fragilità, con quelle di compatibilità paesaggistica e ambientale.

Le opere di messa in sicurezza non vogliono essere nascoste o camuffate perché si “rischierebbe di andare ad incrementare una cultura del falso che è quanto di più sconsigliabile ed incompatibile a livello paesaggistico con la genuinità dei paesaggi contesti del presente intervento”.

OBIETTIVI


1. RENDERE NUOVAMENTE FRUIBILE AL PUBBLICO QUESTO BENE PATRIMONIO MONDIALE DELL'UMANITA';

2. CONSERVARE L'ASSETTO ATTUALE DELLA VIA DELL'AMORE, PREVEDENDO OVVIAMENTE LE OPPORTUNE PROTEZIONI SECONDO DIVERSI MODELLI TECNOLOGICI;

3. RIQUALIFICARE LE STRUTTURE ESISTENTI COMPRESO L'AMMASSO ROCCIOSO;

4. GARANTIRE LA CERTEZZA DEI TEMPI DI REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI, DELLA RIAPERTURA, NONCHE' QUELLI A LUNGO TERMINE DI MANUTENZIONE.

Un progetto che descrive puntualmente le soluzioni e le tecnologie proposte per consentire nuovamente il transito lungo la Via chiusa dal Settembre 2012.


NUOVI STUDI E AREA DI INTERVENTO


Alla luce dei nuovi studi effettuati nel febbraio/marzo 2019, è stato possibile effettuare una revisione completa dello studio geologico del 2013, conseguendo un quadro conoscitivo più completo, idoneo all’elaborazione del progetto di fattibilità.

La strada si sviluppa lungo un versante caratterizzato da “un’unica formazione geologica che si presenta con stratificazioni variamente ripiegate, per buona parte in vista ed esposte agli elementi meteorici ed ai cicli termici stagionali”. La parte sovrastante la Via presenta condizioni precarie di equilibrio superficiale e talora anche profondo, mentre nella parte sottostante ci sono dei settori che mostrano “un’elevata propensione al dissesto”. La mareggiata dell’ottobre del 2018, inoltre, ha scalzato il muretto a secco sul quale poggiava il percorso pedonale facendo cedere un tratto di passeggiata.

L’area oggetto dell’intervento è compresa tra il livello del mare ed il crinale dei versanti attorno a Via dell’Amore, fino alla quota massima di 230 m sul livello del mare.

INTERVENTI PREVISTI


Gli interventi sono locali ma dislocati lungo tutto il percorso e il versante di Via dell’Amore e presuppongono che porzioni di roccia vengano lasciate cadere previa predisposizione a valle di materassi in sabbia, barriere protettive che abbiano la capacità di assorbire l’energia dell’urto. Successivamente i massi saranno rimossi e trasportati, preferibilmente via terra o utilizzati per la realizzazione dei riempimenti di protezione.